greanes

Moving time  3 ώρες 17 λεπτά

Ώρα  5 ώρες 49 λεπτά

Σύνολο σημείων 1919

Uploaded 11 Δεκεμβρίου 2018

Recorded Δεκεμβρίου 2018

-
-
1.970 m
797 m
0
2,7
5,3
10,64 km

126 εμφανίσεις, 5 αποθηκεύσεις

κοντά στην περιοχή Casso, Friuli Venezia Giulia (Italia)

Ci si porta in auto nei pressi della diga del Vajont. Si prende la strada che, salendo verso Erto, a destra, appena sopra la palestra di roccia, porta a Pineda. Si parcheggia nei pressi della prima curva a 90° verso sx. Ampio spazio e indicazioni per casera Vasei e monte Toc.
Inizialmente la strada scende e perde circa 30mt, poi una risalita e un tratto semi pianeggiante di sentiero, ci porta sul filo di cresta (30').
Da qui si sale, piegando subito sul lato nord della montagna (sole zero in inverno), inizialmente in maniera molto decisa, poi solo leggermente meno erta. Si sale lungamente, fino a costeggiare la croda Vasei. Si passa sotto la parete nord della montagna, con un buon sentiero, godendo di un ottimo punto panoramico, specie sul Duranno e le montagne sopra Erto. Si continua a salire, piegando a dx, per traccia evidente, affrontando un tratto abbastanza ripido. Si esce su un pianoro che ci porta dolcemente alla casera Vasei. Sosta ristoratrice in questo piccolo ricovero, dove potete trovare solo una spartana tavolata (ma molto spartana) e nient'altro. Si prosegue seguendo sbiadite indicazioni e numerosissimi ometti, che ci portano, prima in un bosco di larici, e poi attraverso una prateria di mughi, alla forcella tra cima Mora (1938mt) e il monte Toc (1921mt). La nostra meta era il secondo, per cui ci siamo portati sulla dx e abbiamo risalito l'ultimo tratto attraversando un corridoio tra i mughi. La sorpresa è immediata, non siamo sulla cima del Toc, ma su una specie di anticima. Bisogna scendere una decina di mt verso la valle del Piave e poi risalire la cima principale, che è caratterizzata da un omettone e una croce ottenuta incrociando due rami di pino mugo. Non c'è il libro di vetta (perchè?).
Panorami a dx e a manca, con Longarone quasi 1500mt più in basso.
Discesa per la via di salita, fatto salvo una scorciatoia per traccia da prendere a 1080mt circa, piegando a dx e scendendo prima in diagonale, poi, dopo aver fatto una foto sulla enorme frana del Toc, giù dritti fino a incrociare il sentiero di salita, molto vicino al punto di partenza.
Escursione di elevato livello storico/culturale, essendo la montagna tristemente famosa per la distruzione di Longarone, causata dalla frana precipitata nel lago.
Mi si permetta una riflessione: dal punto dove il sentiero "tocca" la frana, si capisce come non sia stato il Toc il problema, ma l'idiozia criminale di coloro che non hanno ascoltato quello che la montagna stava dicendo. Cioè, non fate la diga, perchè io non posso resistere alle vostre manomissioni e le conseguenze saranno catastrofiche.
Ora come mai posso dire che non è la tragedia del Toc, ma che il Toc ce l'ha messa tutta perchè ciò che è avvenuto non si realizzasse. E' veramente evidente che è solo e unicamente colpa dell'uomo e della sua ingordigia. Andate sul posto e capirete perchè.
Sullo sfondo il Teverone e il Crep Nudo

Σχόλια

    You can or this trail