vanex76

Moving time  2 ώρες 18 λεπτά

Ώρα  3 ώρες 46 λεπτά

Σύνολο σημείων 1742

Uploaded 10 Μαρτίου 2019

Recorded Μαρτίου 2019

-
-
296 m
3 m
0
2,5
4,9
9,85 χιλιόμετρα

178 εμφανίσεις, 4 αποθηκεύσεις

κοντά στην περιοχή Antignano, Toscana (Italia)

Lunghezza complessiva: 6,5 chilometri, con partenza e ritorno al cancello di accesso della Riserva di Calafuria (in prossimità del Castello del Boccale); difficoltà: medio-facile; dislivello: 300 metri circa; tipo di tracciato: sentieri e carrarecce; durata: circa 3 ore.La partenza è all’altezza della Torre del Boccale ed è contrassegnata dal cancello di accesso alla Riserva naturale di Calafuria, (per raggiungere il punto esatto bisogna lasciare l’Aurelia – venendo obbligatoriamente da sud si gira a destra sotto l’arco del Voltoncino, che passa sotto la ferrovia, fino a trovare, dopo circa 300 metri, il cancello della Riserva). Qui si prende lo sterrato meglio conosciuto come Via Dorsale: la strada ha questo nome perché, se all’inizio costeggia il Fosso del Maroccone, subito dopo inizia a salire puntando alla dorsale livornese in un sentiero punteggiato di lecci e pini che, dopo un quarto d’ora scarso, si pareggia in uno stradello che taglia la macchia mediterranea.

Quindi, il percorso curva a sinistra con vista sul Montaccio, colle riconoscibile per la torretta antincendio sulla cima. A questo punto bisogna superare (e ignorare) il bivio a destra (per la via degli Allori) e i due bivi a sinistra (il primo per la via del Maroccone seguito a breve distanza da quello per la via della Cava) per procedere dritti fino allo spiazzo dove il sentiero maestro si biforca e bisogna andare a sinistra (la via del Telegrafo a destra porta fuori strada). Il tour della Riserva prosegue in salita per circa 12 minuti fino alla torretta del Montaccio avvistata prima, dove un balcone panoramico naturale permette di abbracciare con lo sguardo l’intera costa (da Livorno a Piombino fino all’isola d’Elba e al Giglio). Poi, proseguendo sullo stradello sterrato si abbandona la Riserva di Calafuria per salire ancora fino al punto più alto dell’intero percorso (circa 317 metri s.l.m) dove il punto di riferimento migliore è il bed & breakfast "Arpaderba", affacciato su uno scorcio mozzafiato. A circa un’ora di cammino dalla partenza si raggiunge il "Castellaccio"coi suoi punti di ristoro (siamo a 2 chilometri dal celebre santuario di Montenero, che merita una deviazione dall’itinerario di oggi). Il percorso a questo punto richiede di tornare indietro per la strada già fatta verso il b&b "Arpaderba" e la torretta del Montaccio per continuare il tragitto giungere, dopo una mezz’ora buona di discesa, allo slargo dove s’abbandona la via Dorsale (che scende a destra) per imboccare a dritto la via del Telegrafo. Qui si raccomanda una dose in più d’attenzione perché il sentiero si snoda nella macchia molto fitta prima di sbucare nel piazzale dei Colombi dove si prende la destra attraverso la via dell’Esbosco e, dopo un nuovo tratto di pineta punteggiato di lecci e attraversato ancora da macchia mediterranea molto densa, si arriva nella via degli Allori e si scende fino a superare piazzale Modesti e poi il letto di un torrente ridotto a poco più di un fossato. Quindi, si risale per pochi minuti ignorando a sinistra si arriva sul mare come nel percorso indicato e a destra invece si arriva su via litorale per richiudere l’anello... buona camminata ..
Partenza dal cancello della riserva
B&b Arpaderba
Passaggio

Σχόλια

    You can or this trail